8 Errori Da Evitare Quando Si Ristruttura Il Bagno

Il bello delle case in legno (dai un'occhiata alle case di legno abitabili lì) è che possono sempre offrire degli elementi per dare sfogo alla propria creatività anche se è sempre consigliabile prevedere nel progetto originale le eventuali modifiche al modello di base.

Quando si tratta di ristrutturare il bagno è bene valutare con attenzione alcuni elementi che possono rivelarsi essenziali quando si tratta di definire le priorità. Evitare alcuni errori tipici può rivelarsi una benedizione perché limita l’impatto sui costi finali del progetto e migliora la vivibilità di questo spazio, funzionale ma anche esteticamente di pregio.

1. Non Definire Un Progetto Iniziale

Come per ogni lavoro ben fatto, il buongiorno si vede dal mattino. È già dalla realizzazione del progetto iniziale che si può stabilire se si sarà in grado di ottenere tutti i benefici attesi dalla ristrutturazione del bagno.

Infatti, sarà importante stabilire in anticipo tutti i fattori determinanti per ottenere la migliore disposizione dei pezzi, valorizzare le funzioni di questa stanza, compresa quella di deposito per asciugamani, detersivi e detergenti personali e così via.

Quando si studia un progetto è necessario mettere su carta tutto quello che dovrà far parte della stanza, senza trascurare nulla: dall’impianto idrico e la valutazione delle corrette pendenze, fino alla disposizione ottimale dei sanitari.

 

2. Dimenticare Di Scattare Le Foto

Una delle maggiori grane una volta completato l’impianto idrico è dimenticare come sono stati disposti i tubi. Infatti, può capitare che con il tempo le tubature si usurino e inizino a perdere acqua, con le relative e noiose conseguenze che comportano.

Avere sempre a disposizione una “mappa” delle tubature, della loro disposizione consente una facile attribuzione delle loro funzioni specifiche. Quindi sarà possibile individuare senza ombra di dubbio, da dove viene un’eventuale perdita e in che modo poter porre rimedio.

Prima di murare tutto e coprire con i consueti sistemi, come le piastrelle, o le mattonelle, sarà una buona idea scattare qualche foto da conservare in vista di possibili incidenti domestici.

3. Non Pianificare Con Attenzione I Risultati

L’aspetto del bagno dipende dai piccoli particolari che si scelgono per completarne l’arredamento e la sua decorazione. Ritrovarsi dopo insoddisfatti per la scelta del disegno sulle piastrelle non è di certo una bella esperienza.

Il giusto abbinamento dei materiali, lo stile, i colori e le dimensioni dei sanitari, tutto concorre a creare un ambiente accogliente e piacevole. Del resto, il bagno non è solo il luogo dove si espletano i propri bisogni corporali, non deve essere declassato a stanza di seconda categoria. Qui entrano gli ospiti quando hanno bisogno di lavarsi le mani, qui ci si concede una pausa di valore prendendosi cura del proprio aspetto. Ci si regala una doccia rinfrescante o un bagno rilassante. È un posto dove si coltiva l’edonismo in versione quotidiana e per questo va valorizzato.

4. Dimenticare Di Far Posto Ai Contenitori

Le soluzioni per conservare oggetti e altri elementi necessari in bagno, si trovano anche quando lo spazio è molto poco. Basta un po’ di creatività e anche il bagno più piccolo può assicurare la massima comodità in questo senso.

Quel che conta è riuscire a individuare per tempo le soluzioni migliori per avere spazio a sufficienza dove riporre asciugamani puliti, detersivi per lavare la stanza e se stessi. Chi ha l’abitudine di lavare il bagno ogni giorno deve anche semplificare quest’operazione. Per esempio, si può ricorrere a delle veloci passate con soluzione di acqua e acido citrico, perfetto per rimuovere i residui di calcare dalle superfici. Chi non ama gettare ogni giorno spazzatura può optare per un cesto nel quale raccogliere degli stracci usati ogni giorno e da lavare alla fine della settimana con una rapida passata in lavatrice.

5. Mettere Il Gabinetto Al Centro Della Stanza

È un errore più comune di quanto si pensi, e non è altro che una noiosa défaillance. Infatti, non viene preclusa la funzionalità del bagno, ma la bellezza della stanza. Se la prima cosa che si vede entrando in questo ambiente è la tazza, allora qualcosa turberà la nostra attenzione. Non solo per una mera questione di tabù culturali o di rapporto con le proprie esigenze corporali, ma soprattutto perché si distrae l’attenzione di chi entra dalla possibilità di concedersi altro tempo per se stessi e il proprio benessere.

Mettere la tazza in una posizione dimessa, o comunque non in primo piano consente di ottenere un maggior vantaggio in termini estetici all’interno della camera da bagno.

6. Non Valutare Con Attenzione Le Esigenze Di Aerazione

L’ottimo è sempre puntare a una finestra che si affacci verso l’esterno, ma quando questo non è possibile è necessario trovare soluzioni alternative altrettanto valide.

Non solo per disperdere il cattivo odore, la ventilazione in questa stanza è necessaria per rimuovere l’umidità che la caratterizza. Se si deve optare per una ventilazione forzata, o se la finestra reale presente è troppo piccola, bisognerà fare di tutto per trovare soluzioni in grado di far muovere l’aria all’interno. L’ambiente prevalentemente caldo e umido favorisce lo sviluppo di funghi e batteri che presto finiscono col compromettere l’integrità delle pareti e corrodono le parti metalliche esposte.

7. Sottovalutare L’importanza Della Luce Naturale

Di certo, se il progetto della casa prevede di fare una scelta tra l’illuminare il bagno o la sala da pranzo, non ci sarà molto su cui riflettere. Sembra, ed è, scontato sacrificare il bagno se è necessario. Ma se invece è possibile godere di una buona luce naturale anche in questa stanza, il risultato sarà di certo molto più piacevole.

La luce che filtra dalle finestre crea un’atmosfera diversa e molto piacevole, solo così si può ottenere la migliore combinazione tra lo scopo funzionale ed edonista di questa stanza.

8. Non Pianificare Al Meglio I Tempi Di Esecuzione Del Lavoro

Questo è un errore che si fa spesso, quasi ogni volta che si iniziano dei lavori per la ristrutturazione della casa o di un suo ambiente. Che si tratti di rimettere a nuovo le case in legno o una loro parte, è bene valutare con onestà e attenzione il tempo necessario. Questo servirà a prevedere eventuali perdite di tempo.

Lascia un Commento

Si fidano di noi

Vincenzo La Gatta
Azienda Agricola Martino
K-Padel & Tennis
Tosio Arredamenti