Carrello (0)
Scrivi una domanda
Progetti su misura: servizio di progettazione GRATIS!
Progetti su misura: servizio di progettazione GRATIS!
Chiudi

Case di legno: Cosa c’è da sapere quando si forma condensa

È indispensabile proteggere le case di legno dall’umidità, anche quella interna generata dalla condensa

L’umidità costituisce la principale fonte d’attacco all’integrità della struttura delle case di legno. Si può isolare efficacemente il legname perché resista alle infiltrazioni di acqua o vapore che provengono dall’esterno. Ma è importante dedicare la giusta attenzione per rendere anche l’ambiente interno salubre e libero da ristagni. Oltre a evitare la formazione di muffe e funghi, nocivi per la nostra salute, sarà possibile ritardare il processo di marcescenza cui va incontro il legno in quanto materiale organico.

formazione-di-muffe-e-funghi-case-di-legno

Cosa genera la condensa

La formazione di umidità all’interno delle abitazioni è frequente ed è un fenomeno che riguarda l’edilizia tradizionale come le case di legno (maggiori informazioni sulle case in legno qui). Si tratta di un evento da tenere sotto controllo perché in grado di alterare l’equilibrio e la qualità dell’aria all’interno della casa. In più, nel caso delle costruzioni di legno, può generare danni alla struttura.

La condensa è il risultato della ricompattazione del vapore che si disperde in casa e si ricompatta come acqua in determinate condizioni. Ambienti specifici della casa sono i principali responsabili della formazione di vapore, la cucina e il bagno sono i primi della lista. Ma anche il fiato delle persone che abitano la casa concorre a disperdere vapore che poi si condensa sulle finestre e le pareti più fredde che si impregnano di umidità.

Si tratta di un fenomeno del tutto naturale e frequente in ogni ambiente. Ma insieme al vapore acqueo altre sostanze disperse nell’aria si concentrano e depositano sulle pareti. Non è un caso che le prime formazioni visibili di muffe e macchie scure sia in corrispondenza degli ambienti caldo-umidi del bagno, la lavanderia e della cucina. Umidità e temperatura costante sono gli ingredienti indispensabili per favorire il proliferare dei batteri responsabili della formazione della muffa.

Come intervenire tempestivamente

Nelle case di legno, in particolare, è necessario prendere provvedimenti in maniera tempestiva. Non solo per evitare che un ambiente insalubre intacchi la salute delle persone che vi vivono all’interno, ma anche per garantire longevità alla struttura. Le pareti che sono esposte all’azione dell’umidità o direttamente della muffa vanno incontro a un processo rapido di marcescenza. Questo fenomeno caratterizza in modo particolare il legno proprio perché è un materiale di origine organica.

processo-di-marcescenza-case-di-legno

La naturale tendenza alla decomposizione può essere arginata impiegando i prodotti adeguati che aumentano l’impermeabilità del legno e la sua capacità di resistere anche all’azione diretta dell’acqua. Del resto, anche le saune sono costruite in legno e possono resistere bene all’esposizione costante al vapore ad alte temperature.

Uno degli interventi in assoluto più efficaci è garantire la giusta aerazione degli ambienti. Quindi far prendere aria alle case di legno o in muratura rimane il consiglio sempre valido per ottenere la massima dispersione dell’umidità interna e il miglior ricircolo di aria pulita. Non sempre però, è possibile aprire le finestre. Le condizioni meteo avverse, una dimenticanza, le abitudini di vita, possono remare contro. Installare delle prese d’aria è un’opzione valida e può essere studiata per rispondere alle condizioni climatiche locali. Un semplice foro della parete farebbe entrare anche aria fredda dall’esterno. Se questo fosse troppo intenso, è possibile scegliere dispositivi per la ventilazione controllata che consentono il perfetto ricambio immettendo in casa aria pre-riscaldata.

Perché è importante la giusta aerazione

Le case di legno più funzionali sono quelle perfettamente isolate dall’esterno. Quindi in grado di mantenere stagno l’ambiente interno senza subire sbalzi climatici in risposta alle condizioni atmosferiche. Specie se tutte le fessure sono state sigillate non ci saranno spifferi in grado di aerare il locale.

Non deve stupire, quindi che l’aria all’interno della casa possa essere viziata da altri agenti, a volte patogeni. Le emissioni degli apparecchi elettronici, dei detersivi usati in casa, ma anche dei fumi di cottura e la decomposizione degli alimenti e l’anidride carbonica emessa con il respiro degli abitanti di casa, contribuiscono a guastare l’aria all’interno.

Il ricircolo d’aria, quindi è imprescindibile per garantire la migliore vivibilità all’interno delle case di legno, anche se è più importante che altrove controllare che qui non entri acqua piovana attraverso le pareti o il tetto.

case-di-legno-entri-acqua- le-pareti-tetto

Quali sono i punti critici da tenere sotto controllo

Non c’è grande differenza tra le case di legno e quelle dell’edilizia tradizionale. Le aree da controllare perché non ci siano formazioni di umidità provenienti dall’interno così come dall’esterno sono sempre le solite.

Al primo posto troviamo le finestre. Se non sono ben sigillate sarà facile che la pioggia si insinui all’interno infiltrandosi tra gli infissi e la parete. Ma se lo saranno troppo, non sarà facile lo smaltimento della condensa che qui si concentra. La temperatura del vetro è inferiore rispetto a quella delle pareti e qui si accumula e ritorna a essere acqua il vapore che si è formato dentro casa.

Anche la scelta del tipo di legname, degli isolanti nelle pareti e sui tetti o dei repellenti impiegati per la realizzazione delle case di legno dovrà variare in base alle condizioni climatiche. Regioni dagli inverni più rigidi rispetto ad altre più esposte all’azione del sole diretto comportano la scelta dei materiali in grado di rispondere meglio alle caratteristiche ambientali.

Anche le fondamenta delle case di legno costituiscono un punto critico da tenere sotto controllo. Da qui si disperde l’umidità che proviene dalla terra verso l’interno della casa. E un cattivo isolamento tra pavimento e basamento potrebbe essere deleterio nel breve tempo.

Quali benefici legati al controllo della condensa

Il bello delle case di legno è che offrono caratteristiche intrinseche che migliorano la vivibilità all’interno. La migliore capacità del legno di isolare dall’esterno, mantenendo il calore in inverno e il fresco in estate, lo rende ideale per essere destinato alla costruzione di abitazioni.

case-di-legno-8457

Ma migliorare ulteriormente la qualità dell’aria all’interno della casetta consente di sfruttare a pieno le caratteristiche intrinseche. Per esempio, un tasso d’umidità controllato consente di ottimizzare l’efficienza del climatizzatore, tanto in estate come d’inverno.