Chiamaci per domande o ordini 0287368785 LUN-VEN: 8:00-17:00
Servizio richiamata Scrivi una domanda

Trucchi Della Nonna Per Un Giardino Stupendo

Avete raccolto in un diario tutti i trucchi della nonna per avere un giardino stupendo? No? Peccato, quella sapienza antica era ricca di risorse e metodi efficaci che non dovrebbero essere trascurati. Sono fonte preziosa di ispirazione, specie nella nostra epoca così tecnologizzata dove sembra impossibile fare qualcosa senza l’attrezzatura specializzata.

Nel tempo alcune delle antiche pratiche sono state soppiantate da altre abitudini più efficienti ma spesso non altrettanto pure e genuine. Il ricorso all’elettricità e all’impiego di sostanze di sintesi chimica ha portato a una progressiva perdita della consapevolezza del modo di fare dei tempi antichi. Un contatto più ravvicinato con la natura, la sua attenta osservazione e la necessità di rivolgersi alla terra come fonte essenziale di sussistenza, avevano reso le persone consapevoli di cosa serve per avere buoni risultati lavorando la terra.

Oggi pare impossibile piantare un seme senza ricorrere agli ultimi ritrovati tecnologici. Eppure ancora si possono usare speciali metodi di coltivazione e massimizzazione della resa del giardino o dell’orto in modo semplice e sostenibile.

Mettere A Mollo I Semi Prima Di Piantarli

I semi mantengono a lungo la loro capacità di germinazione, quel che conta è che siano conservati in maniera adeguata e senza essere esposti alla luce del sole o all’aria. Questo a parte una fase iniziale in cui devono essere asciugati per poi essere conservati.

Prima di piantarli nella terra è una buona pratica immergerli in acqua, un po’ come si fa con i legumi. In questo modo si riattiva la loro capacità di germogliare. È lo stesso procedimento che si usa per la preparazione dei germogli adatti al consumo alimentare. In presenza di umidità il seme si attiva e dà vita al nuovo germoglio. Questo è il momento ideale per piantare i semi in piena terra o in semenzaio a seconda delle condizioni ottimali di coltivazione della pianta.

Raccogliere L’acqua Piovana Per Innaffiare

L’attenzione verso l’uso delle cose, il riciclo delle risorse disponibili, una maggiore consapevolezza del valore degli oggetti e delle ricchezze della natura, questo progressivamente stiamo perdendo dei tempi andati. Ecco perché sarebbe il caso di attivarsi per il recupero dell’acqua piovana, specie quella proveniente dalle grondaie.

È sufficiente un bidone di grosse dimensioni, ma è anche opportuno chiuderlo in modo che l’acqua all’interno non sia direttamente all’aria. L’invasione di zanzare potrebbe essere incontrollabile.

Raccogliere La Frutta Dai Rami Alti Senza La Scala

Chi ha ereditato un vecchio albero da frutto che per tanto tempo non è stato curato potrebbe trovarsi nella sgradevole situazione di non sapere come raggiungere la frutta matura. È alto il rischio di vedere rovinare a terra nespole, fichi o altri prodotti da alberi che col tempo raggiungono altezze notevoli. Specie se non si sono praticate le opportune potature per concentrare le fronde a un’altezza più contenuta.

In questi casi, chi non ha una scala o non ha voglia o modo di arrampicarsi e spostarla di continuo per raggiungere i rami più alti può ricorrere a un altro rimedio. In passato si usavano lunghe canne, cave all’interno da poggiare al frutto per lasciarlo cadere a terra delicatamente. Oggi è possibile fissare delle bottiglie di plastica rotte a un lungo palo in modo che la parte concava guardi verso l’alto. Così è possibile accogliere il frutto come in una coppa e staccarlo senza danneggiare l’albero o il frutto.

Proteggere Le Piante Dagli Uccelli

Anche altri animali domestici possono compromettere la crescita delle piante più giovani, nella fase più delicata della loro crescita. Uccelli, ma anche conigli, gatti e altri piccoli animali e roditori possono rosicchiare, scavare, beccare i semi, le piante appena germogliate o gli alberi più giovani.

Per proteggere il terreno è possibile infilzare dei pali di piccole dimensioni intorno al perimetro dove si trovano le piante. Qui basterà stendere una rete a maglie larghe per non compromettere lo sviluppo della pianta né oscurare il sole.

Allontanare Le Formiche Senza Prodotti Aggressivi

In casa le formiche possono essere una vera scocciatura, ma nell’orto svolgono una preziosa funzione arieggiando il terreno. Scavano gallerie e cunicoli in profondità e lungo grandi estensioni, in questo modo la terra è meno compatta e più facile da lavorare e irrigare.

Per allontanare le formiche dalle coltivazioni che invece ne sono danneggiate, o per dissuaderle dall’entrare in casa è possibile usare qualche vecchio trucco. Basta creare una miscela di fondi di caffe asciutto e di nuovo polverizzato con del gesso per spargerla intorno ai punti che non si vuole siano invasi dalle formiche. L’odore e la combinazione di questi ingredienti dissuadono le formiche dallo spingersi oltre la barriera. Così è più semplice definire le zone off-limits per le formiche senza far loro del male.

Il Potassio A Portata Di Mano

Il potassio insieme all’azoto e al fosforo rappresenta uno degli elementi principali per far crescere le piante sane e rigogliose. In particolare il potassio è utile alla pianta durante la fioritura. Una concimazione a base di questo minerale proprio a ridosso dell’epoca di fioritura consente alla pianta di trovare le sostanze utili da sintetizzare per produrre fiori belli e ricchi di petali colorati.

Non è sempre necessario andare in un centro florovivaistico per ottenere i concimi liquidi prodotti a livello industriale. Si può ricorrere a qualche espediente per nutrire il terreno nel modo adeguato. La buccia della banana e la cenere di legna, quella del camino o della stufa, sono naturalmente ricchi di potassio e potranno essere usati per concimare il terreno.

La buccia della banana dovrà essere tritata e ridotta in polvere, funziona anche tagliata in pezzi e interrata, ma è bene ricordare sempre che qualsiasi cosa si introduca nel terreno può creare degli squilibri. In questo caso, la buccia fresca che contiene una parte di umidità potrebbe favorire la comparsa di funghi.

Mentre la cenere che deriva dalla combustione del legno è un potete fertilizzante ma da usare in piccole dosi. Bastano un paio di pugni da spargere a terra per preparare il terreno alle nuove coltivazioni.

 

Aglio In Tutte Le Salse

Per via della ricca presenza di sostanze antimicotiche e antibatteriche, l’aglio è una risorsa fondamentale per scacciare parassiti e malattie che attaccano la pianta. Tra i trucchi della nonna per un giardino stupendo, l’aglio è tra i più versatili e impiegati. Si può usare così com’è, infilzandolo a terra intorno alle piante attaccate da afidi o funghi. Oppure si può usare in macerati per poi spruzzarlo direttamente sulle foglie. Questi preparati sono perfetti per prevenire l’infestazione da parassiti e si possono preparare in un ambiente fresco e asciutto come quello delle casette da giardino.

Lascia un Commento