Tabasco, Come Coltivare Il Peperoncino Per La Famosa Salsa

Adorate il tabasco? In questo articolo vi parliamo di come coltivare il peperoncino per realizzare la famosa salsa direttamente in casa. Saprà darvi tante soddisfazioni sorprendenti.

La pianta del tabasco appartiene alla più ampia famiglia del genere capsicum, in particolare del genere frutescens. La sua particolarità è di essere anche una pianta molto bella e decorativa. Ha una produzione sorprendente e i colori che la caratterizzano sono molto allegri e vivaci.

Insomma, che siate appassionati di sapori piccanti o meno, coltivare nell’orto o in vaso una di queste piantine promette di dare grandi soddisfazioni.

Il brevetto della famosa salsa è ancora proprietà della ditta che l’ha resa famosa in tutto il mondo. Ma se vorrete cimentarvi in questa preparazione avrete bisogno di pazienza, tempo e della ricetta che vi proponiamo in questo articolo.

Storia Del Prezioso Peperoncino E Della Salsa Che L’ha Reso Famoso

Il tabasco è un peperoncino originario del Messico, in particolare della regione da cui prende il nome. È uno degli ingredienti preferiti in tante ricette tipiche di questo paese. Il suo sapore intenso e ricco, ma anche molto aromatico lo fa apprezzare anche al di fuori dei confini nazionali.

Appartiene al genere capsicum frutescens, ed è una cultivar che si diffonde con facilità anche al di fuori della regione d’origine.

La storia narra che la ricetta originale della salsa fu elaborata dal generale Maunsell White, il quale a sua volta la cedette all’amico E. McIlhenny. In origine banchiere, l’amico iniziò a coltivare questa varietà di peperoncino ed evidentemente ne presentì il potenziale economico. Dal 1870 la ditta omonima possiede il brevetto di una tra le salse piccanti più amate nel mondo.

Sono più di 180 i paesi al mondo in cui oggi è commercializzata la salsa dalla tipica bottiglia con forma ed etichetta dal gusto un po’ rétro e il caratteristico tappo rosso. La stessa ditta ha proposto nel tempo altre varianti della salsa originale, realizzandola con peperoncini diversi e con grado di piccantezza maggiore o minore.

Come Coltivare Il Peperoncino

Realizzare una coltivazione di peperoncino tabasco è piuttosto semplice. Si tratta di una pianta dalla grande capacità di adattarsi alle condizioni climatiche locali. Quel che conta è garantirle certe cure ed evitarle l’esposizione all’ombra o freddo intenso.

Infatti l’epoca di coltivazione coincide con i periodi più caldi dell’anno. La sua peculiarità è quella di avere una ricca produzione, quasi prodigiosa. In più i frutti, numerosi e fitti in tutta la pianta, sono anche molto colorati e cambiano colore durante la loro maturazione.

La bellezza della pianta la rende anche un ottimo elemento d’arredo, in vaso come in un punto strategico dell’orto giardino.

La semina si raccomanda in vaso verso la fine della primavera. O comunque da quando le temperature si sono stabilizzate e non si corre più il rischio che forti escursioni termiche notturne precludano lo sviluppo della piantina.

Poi la crescita continua in vaso, ma tenendo in considerazione che la pianta avrà uno sviluppo significativo che può raggiungere il metro e mezzo d’altezza contro 60/70cm di larghezza. Oppure si può piantare in piena terra all’inizio dell’estate. Bisogna far attenzione a non piantarla vicino ad altre solanacee, in particolare i peperoni, per evitare ibridazioni da parte degli insetti impollinatori.

Potenza Del Tabasco In SHU

Il tabasco si colloca in una fascia medio/alta di piccantezza. La sua potenza varia a seconda di diversi elementi ambientali e colturali. Infatti la pianta richiede una buona dose d’acqua per crescere correttamente e questo potrebbe alterarne la potenza complessiva.

I frutti maturi si raccolgono quando raggiungono la colorazione rossa intensa. Nel frattempo ci si gode lo spettacolo dei piccoli cornetti di 4/5 cm larghi poco meno di 2 cm, che vanno dal bianco al verde, passando per colorazioni di verde e arancio intenso, compreso il giallo.

La sua piccantezza si stima compresa tra 50 e 80 mila Scoville. Quindi è piuttosto piccante ma non il più aggressivo in assoluto.

Ha un sapore che tende allo stesso tempo al dolce e per questo gli estimatori del genere ne gradiscono la ricchezza di sfumature.

Si usa con successo in tante applicazioni ed è una delle piante più indicate per l’orto a terra o in terrazzo.

Come Realizzare La Preziosa Salsa In Casa

Il segreto della ricetta originale della salsa è ancora sotto chiave e custodito dalla ditta che lo produce da quando è stata commercializzata. Quindi, a meno di riuscire a trafugarne le dosi direttamente agli eredi del sig. McIlhenny ci si dovrà accontentare di una versione simile ma altrettanto gradevole ed efficace.

Una variante da provare potrebbe essere questa.

  • 640 gr di polpa e semi di peperoncino tabasco
  • 20 gr di sale grosso

Insieme i due ingredienti si lasciano macerare e fermentare dentro contenitori sterili, la ricetta prevede botti di quercia. Ma un qualsiasi contenitore a chiusura ermetica e scuro dovrebbe andare bene allo scopo.

Qui si lascia macerare per tre anni, magari protetto da sbalzi climatici e luce diretta come si potrebbe fare dentro i garage di legno.

Trascorso questo periodo si aggiungono 200 ml di aceto bianco.

Un’infusione di ancora una settimana è indispensabile per far stabilizzare il composto. Alla fine il prodotto ottenuto si filtra e conserva in frigo dentro le bottiglie da portare a tavola all’occorrenza.

Altri Usi Di Questo Prezioso Peperoncino

Se siete a caccia di semi di tabasco ora che sapete come coltivare il peperoncino per la famosa salsa, sappiate che è possibile usarlo anche per preparare altre ricette.

Come alleato in cucina è l’ingrediente perfetto per una classica spaghettata aglio, olio e peperoncino. Il suo sapore inconfondibile e leggermente aromatico consente di ottenere risultati speciali in uno dei nostri piatti della tradizione.

Mischiato al sale grosso e frullato è perfetto per ottenere un condimento aromatizzato da usare su carni e pesce. Il vantaggio è di poter ridurre la quantità di sale assunto quotidianamente mentre si assumono anche i nutrienti preziosi che compongono il peperoncino.

Lascia un Commento