Come arredare un giardino per renderlo accogliente

Come arredare un giardino e far sì che assomigli il più possibile a quello che abbiamo sempre sognato? Lo scopo di realizzare un giardino è quello di godere dello spazio all’esterno della casa per poter realizzare attività varie. Tutte concentrate sull’ozio e il relax, da soli o in compagnia dei propri amici e parenti.

La natura di per sé ha la capacità di rendere piacevole e accogliente anche un piccolo angolo all’esterno della casa. Quindi riuscire a comporre il giusto arredamento non fa altro che migliorare la vivibilità di un posto.

Ritagliare una nicchia in un terrazzo, o suddividere le aree di un grande terreno non è certo lo stesso. E in entrambi casi è richiesta grande attenzione per i particolari per esaltare funzione ed estetica. In questo articolo vogliamo mettere l’accento su alcune delle potenzialità che si possono sviluppare quando si decide di arredare lo spazio all’esterno della propria casa.

Attrezzare un’area per prendere il sole e rilassarsi

In casa l’aria è spesso viziata e il sole può essere filtrato dall’esposizione delle finestre. Non è un caso che, appena il tempo lo consente, un po’ tutti gradiscono esporre la faccia al sole e riscaldarsi come lucertole sui sassi.

All’esterno, che si tratti di un cortile su un giardino o di una finestra sul balcone di un appartamento in un condominio, è possibile godere direttamente del piacevole effetto dell’ossigeno. Meglio ancora se l’effetto è rinforzato da una piacevole vista incorniciata da piante e vegetazione rigogliosa.

Per realizzare una nicchia con una buona esposizione al sole non saranno necessarie grandi pianificazioni e una progettazione accurata. Basterà scegliere le sedute ottimali per potersi accomodare al sole nelle ore in cui è più consigliato farlo. Una chaise longue o una poltroncina di vimini saranno perfette per questo scopo.

Ricavare una panchina è ancora più semplice, basta ritagliare un po’ di spazio, anche dal lato più stretto del balcone e incorniciare tutto con delle piante ricadenti.

Mangiare o anche cucinare all’aperto?

Se lo spazio lo consente di prendersi qualche lusso speciale, allora all’aperto è possibile anche allestire un tavolo per poter mangiare. O meglio ancora, preparare da mangiare.

I più fortunati che possono contare su spazio a sufficienza possono optare per la realizzazione di una cucina vera e propria. L’attacco all’acqua e al gas consente di portare fuori tutte le attività che normalmente si svolgono dentro casa, preparando grigliate ma anche altre ricette più convenzionali.

Esistono numerose soluzioni pensate anche per accontentare chi ha poco spazio all’esterno. Quindi deve ottimizzare al massimo ogni centimetro disponibile. Soluzioni come grill elettrici o barbecue da campo si adattano a meraviglia allo scopo. Mentre le piante possono giocare un ruolo importante anche per rendere più saporite le ricette alla griglia.

Riciclare vecchi oggetti di casa o comprare nuovo arredo per il giardino

Quando si pianifica un arredamento non si guarda esclusivamente all’aspetto funzionale. La decorazione ha un ruolo indispensabile per rendere più accogliente e personalizzato un ambiente.

La scelta degli elementi puramente ornamentali deve rispondere alle preferenze individuali. Qui, gusto personale e un po’ di intuito e immaginazione sono indispensabili per riuscire a dare quel tocco in più anche al più anonimo degli spazi all’aperto.

Si può decidere di dare nuova vita a vecchi oggetti di casa. Per esempio, mobili in disuso e che in casa sono stati sostituiti da versioni più nuove, possono trovare spazio al di fuori dell’abitazione. L’accortezza da tenere a mente quando si ristruttura un vecchio mobile per usarlo all’esterno è di renderlo il più possibile resistente alle intemperie.

Sole, pioggia e vento possono far gonfiare e crepare i mobili di legno. Anche le vernici possono scrostarsi e perdere fascino se non curate con attenzione quando si trovano esposte all’esterno. Il rischio è di trovarsi presto con oggetti da discarica disseminati per il giardino.

 

Legno, vimini, plastica o metallo

I materiali prediletti per l’arredo degli spazi esterni sono di solito tre. La resina polimerica, una plastica particolarmente robusta, si presta bene a essere impiegata all’esterno perché appare praticamente indistruttibile. Ma non ha molto carattere. Gli oggetti realizzati con questi materiali sintetici possono peccare eccessivamente di standardizzazione e sembrare un po’ tutti uguali. Elementi come i tessuti, i cuscini e la tappezzeria possono spezzare la monotonia delle forme e dare colore.

Il metallo è usato spesso all’esterno perché abbastanza pesante e ben piazzato da sopportare folate di vento e piogge intense. A differenza della plastica, però, è più sensibile all’azione degli elementi e pioggia, sole e vento possono rivelarsi presto dei veri e propri nemici.

Il vimini è una delle scelte più romantiche e gettonate per l’arredo degli esterni, anche se richiede una cura maniacale e grande attenzione all’esposizione di questo materiale. È bello quanto delicato e può rovinarsi facilmente se prende acqua. Un accorgimento è quello di destinare questo genere di arredo ai patii coperti o alle verande dotate di vetrate protettive.

Come prendersi cura dell’arredamento per il giardino

Quando si tratta di stabilire come arredare un giardino, l’attenzione deve essere rivolta anche al tipo di cure che si possono dedicare agli elementi d’arredo. Se si possiedono casette da giardino è più semplice trovare la giusta collocazione per gli oggetti alla fine della bella stagione.

È infatti importante garantire una buona manutenzione e cura delle diverse parti che compongono l’arredamento. La tappezzeria, per esempio, può sviluppare muffe e sporcarsi in maniera indelebile se attaccata dall’umidità.

Anche il legno o il metallo richiedono attenzioni particolari per mantenere inalterata la loro bellezza. Tavoli e sedie in questi materiali mal sopportano l’esposizione prolungata all’esterno. L’ideale è avere facile accesso al magazzino dove questi oggetti vengono conservati, in modo da poter facilmente approfittare delle belle giornate. Tirare fuori sedie e poltrone quando se ne presenta l’occasione è un modo per vivere tutto l’anno il piacere della quotidianità all’esterno della casa.

Lascia un Commento